Inserisci Menù

venerdì 22 marzo 2013

Il sale rosa dell'Himalaya


Il sale più pregiato e antico, che diversamente da ciò che si pensa non proviene dal mare, ormai tanto inquinato, ma dalle miniere, è il sale cristallino estratto alle pendici dell’Himalaya, più conosciuto come SALE ROSA DELL’HIMALAYA, che risale a circa 250 milioni di anni fa. Esatto, proprio dalle miniere poichè milioni di anni fa, con l’ascesa di numerose catene montuose, ampi specchi di mare sono rimasti intrappolati sulla terraferma. Un po’ alla volta l’acqua è evaporata, lasciando depositati il sale e tutti gli elementi nutritivi che essa conteneva. 



Il sale è uno degli elementi principali nella dieta quotidiana di chiunque, anche se molto spesso se ne abusa ed a tal proposito la settimana scorsa, come segnalato sulla nostra pagina facebook, si è tenuta la settimana mondiale per la riduzione del sale promossa da WASH (World Action on Salt an Health), per consapevolizzare un consumo consapevole e proporzionato di sale nella dieta quotidiana, poichè il suo abuso, può portare a morte per Ictus (1 milione all'anno) e malattie cardiovascolati (3 milioni all'anno) mentre una riduzione del consumo di sale può abbassare del 23% il pericolo di avere un ictus e del 17% il pericolo di una malattia al cuore.


Nella nostra alimentazione quotidiana, la presenza di sale e acqua è fondamentale poichè il nostro corpo è costituito per il 70% da acqua e da elementi minerali in essa disciolti.  

-->
 
Il sale che noi tutti conosciamo è bianco ed estratto dal mare. Siamo abituati a considerarlo come un semplice condimento, un prodotto comune di poco prezzo che serve ad insaporire le pietanze e molto spesso ignoriamo che oltre al normale sale da cucina (nelle sue varie formulazioni, grosso, fine, iodato, etc) che siamo abituati ad usare per le pietanze, esistono anche diverse qualità provenienti da tutto il mondo e riconoscibili per il loro colore: il sale rosa dell'Himalaya il sale blu di Persia, il rosso delle Hawaii, il Sale Grigio di Bretagna, il Sale Nero di Cipr ed altri,  ognuno con qualità proprie. Infatti, ogni parte della Terra ha il suo tipo di sale.    
     

Il sale rosa dell'Himalaya, in particolare, venne scoperto verso il 350 A.C. dalle popolazioni locali che notarono strati di sale che affioravano naturalmente dalla terra. 
Si tratta di un sale pregiato, puro, ricco di un ampissimo spettro di microelementi, l’unico che unisce al cloruro di sodio altri 84 oligoelementi di cui abbiamo bisogno, nelle giuste proporzioni. Infatti è composto  per il 97.5% circa da cloruro di sodio e per il restante 2.5% da iodio, fluoro e talvolta altre sostanze (es. carbonato di calcio, carbonato di magnesio o idrossido di alluminio).
Il sale rosa dell’Himalaya ha un gusto meno aggressivo rispetto al sale marino e non copre i sapori degli alimenti, ma li accompagna e li esalta. E' particolarmente consigliato sulla carne, ma molto usato anche per la preparazione di soluzioni idrosaline e in trattamenti benessere. 
Si presenta in cristalli grossi e irregolari, con grani che vanno dal rosa pallido al rosa più intenso quasi arancione. Il particolare colore rosa deriva dall'alto contenuto di ferro

Proprietà e benefici:
1) E’ l’unico sale che contiene tutti gli oligoelementi di cui abbiamo bisogno, nelle giuste proporzioni;
2) E’ privo di additivi e delle sostanze inquinanti che impoveriscono il sale marino;
3) Aiuta la digestione e facilita anche l’assorbimento dei nutrienti da parte delle pareti intestinali migliorando il nostro metabolismo. Infatti è completamente assimilabile dall’intestino, che non deve impegnarsi per scinderlo in parti più piccole, ma riesce quindi a digerirlo subito;
4) Mantiene ottimi livelli di acqua nel corpo e non crea ritenzione idrica, poichè non è puro cloruro di sodio, che attira l’acqua;
5) Usato come sale da bagno, aiuta a combattere la cellulite mentre, strofinato sulla pelle, compie una profonda azione di peeling;
Si presenta in cristalli grossi e irregolari (ma si trova anche fino), con grani che vanno dal rosa pallido al rosa più intenso quasi arancione. Il particolare colore rosa deriva dall'alto contenuto di ferro. Esalta il sapore delle pietanze. Come sale da bagno aiuta a combattere la cellulite e strofinato sulla pelle compie una profonda azione di peeling.

Si presenta in cristalli grossi e irregolari (ma si trova anche fino), con grani che vanno dal rosa pallido al rosa più intenso quasi arancione. Il particolare colore rosa deriva dall'alto contenuto di ferro. Esalta il sapore delle pietanze. Come sale da bagno aiuta a combattere la cellulite e strofinato sulla pelle compie una profonda azione di peeling.

Si presenta in cristalli grossi e irregolari (ma si trova anche fino), con grani che vanno dal rosa pallido al rosa più intenso quasi arancione. Il particolare colore rosa deriva dall'alto contenuto di ferro. Esalta il sapore delle pietanze. Come sale da bagno aiuta a combattere la cellulite e strofinato sulla pelle compie una profonda azione di peeling.

6) Aiuta a mantenere i livelli di pH ottimali, in particolare nelle cellule cerebrali;
7) Contribuisce ad avere una migliore concentrazione ed un aumento dell’energia; 
8) Rallenta il processo di invecchiamento;

9) Per l'alta presenza di calcio, rafforza le ossa e riduce anche il rischio di osteoporosi,  reumatismi e artrite;
10) Riduce il rischio di sviluppare calcoli renali;
11) Contribuisce all’omeostasi nel corpo;
12) Aiuta a regolare la pressione sanguigna;
13) Contribuisce ad avere dei capelli più sani e lucenti;
14) Molto utile in caso di eruzioni cutanee, psoriasi, herpes;
15) E' prezioso per ripristinare il nostro equilibrio e rimuovere le scorie che accumuliamo;
16) Riduce crampi muscolari;
17) Migliora la salute del sistema vascolare;
18) Regola la funzione del sonno e riduce l'insonnia;
19) Previene malattie come raffreddore ed influenza;
22) Migliora le funzioni del sistema respiratorio; L’effetto terapeutico del sale è riconosciuto anche dalla medicina ufficiale. Ad esempio la  speleoterapia sfrutta l’aria salubre all'interno delle grotte di sale per curare pazienti affetti da asma, malattie polmonari e affezioni dermatologiche.

-->  

Come usarlo:
Il sale rosa dell'Hinalaya, grazie alla completezza delle sue informazioni vitali, è utilissimo per molti usi diversi, non solo quello alimentare:
  1. E' un ottimo condimento in cucina. Esalta il sapore di molte pietanze, come la carne, senza coprirne il gusto. Consigliato anche per insalate, verdure alla griglia, salse.
  2. E' un eccellente conservante, tanto che le migliori industrie alimentari lo preferiscono al sale tradizionale per la preparazione di prodotti pregiati di media e lunga scadenza.
  3. E' usato nei centri termali per le cure estetiche ed i trattamenti di bellezza quali scrub corpo, peeling, massaggi, grotte di sale. Esistono documenti che provano l'utilizzo delle grotte di sale himalayane per uso terapeutico già 6000 anni fa. Nella grotta si crea un microclima dove le particelle di sale, grazie alle correnti interne umide, sono presenti nell'aria e vengono così inalate. Il sale arrivato nelle vie respiratorie fluidifica il muco favorendone l'espettorazione, i muscoli delle pareti respiratorie si distendono e i canali si allargano favorendo la respirazione e curando diverse patologie tra le quali asma, bronchiti croniche e disordini respiratori vari. In alcuni paesi nordici (come Polonia, Germania, Finlandia, Svezia, Scandinavia, Austria) la Haloterapia è riconosciuta come terapia medica e sostenuta dallo Stato.
  4. E' un ottimo integratore salino per animali di grandi dimensioni, come ad esempio i cavalli, che hanno un senso del gusto molto sviluppato.
  5. E' indicato per preparazioni idrosaline da utilizzare nella prevenzione e nella cura di comuni disturbi come raffreddore, dermatite, congiuntivite, verruche, ecc.


Dove trovarlo:
Al giorno d'oggi è facilmente reperibile anche in Italia nella grande distribuzione. 


Suggerimenti:
Da non confondere col comune salgemma proveniente dalle miniere tedesche o polacche che presenta anch'esso la tipica colorazione rosa, ma a differenza del sale rosa dell'Himalaya non può essere venduto come sale alimentare.


Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alla nostra pagina facebook “Dieta e Nutrizione Dr. Bianchini” ed al nostro profilo "DrBianchiniD" su Twitter.
Segui anche il nostro blog http://dietabianchini.blogspot.it tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Se vuoi ricevere una consulenza nutrizionale personalizzata contattaci su studiodavidebianchini@gmail.com  o al 3496188000.

A.P.

7 commenti:

  1. Ciao,

    Premesso che sono un fan del sale rosa dell'Himalaya (per il gusto), ci sono alcuni passi dell'articolo che mi lasciano alquanto perplesso:

    I seguenti punti ad esempio mi sembrano un po' in contrasto, si dice che è puro cloruro di sodio:

    4) [...] poichè è puro cloruro di sodio, che attira l’acqua;

    Già questo a mio avviso favorisce la retenzione idrica, ma fingiamo di crederci. Altrove si legge:

    1) E’ l’unico sale che contiene tutti gli oligoelementi di cui abbiamo bisogno, nelle giuste proporzioni;

    Quindi non è cloruro di sodio puro.

    9) Per l'alta presenza di calcio, rafforza le ossa

    Quindi non è cloruro di sodio puro. E comunque senza vitamina D il calcio non si fissa.

    16) Riduce crampi muscolari;

    Quindi mi verrebbe da dire che contiene potassio, calcio e magnesio (ma non era cloruro di sodio puro?)


    Qualche imprecisione:

    3) Infatti è completamente assimilabile dall’intestino, che non deve impegnarsi per scinderlo in parti più piccole, ma riesce quindi a digerirlo subito;

    Se ho studiato bene chimica, un sale disciolto in acqua è scisso in ioni (praticamente mezze molecole). Non vedo cos'altro debba fare l'intestino per assimilarlo (e non digerirlo, il sale non viene digerito, viene assimilato).

    9) Per l'alta presenza di calcio [...] riduce anche il rischio di [...] reumatismi e artrite;

    Non mi risulta che reumatismi e artrite abbiano qualcosa che vedere con il calcio, ma non sono un esperto di questo tipo di problemi, e ammetto che potrei sbagliarmi.


    Altre affermazioni poi mi sembrano un po' forti, ho cercato documentazione a riguardo (per questo sto commentando l'articolo in ritardo) ma non l'ho trovata. Potreste fornirmi qualche riferimento?

    8) Rallenta il processo di invecchiamento;

    13) Contribuisce ad avere dei capelli più sani e lucenti;

    15) E' prezioso per ripristinare il nostro equilibrio e rimuovere le scorie che accumuliamo;

    Credo che il termine tecnico sia chelazione. Ci sono studi a riguardo? Se sì, quali sono le controindicazioni (in altre parole, l'effetto chelante è solo relativo a metalli tossici come mercurio, piombo e alluminio o c'è il rischio di avere deficienze di ferro, zinco e magnesio)?

    19) Previene malattie come raffreddore ed influenza;

    Visto che facilita l'assimilazione del calcio e previene malattie da raffreddamento, devo arrendermi all'evidenza e concludere che è un integratore di vitamina D3.

    Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non era meglio forse leggere meglio e con calma l'articolo prima di scrivere tutto questo?
      non c'è scritto che è puro clorulo di sodio, c'è scritto esattamente il contrario.

      Elimina
  2. Gentile Alex,
    la ringraziamo per le sue continue obiezioni ai nostri articoli, ma mi sa che non ha capito lo spirito di questo blog che, siccome è mio, approfondisce gli argomenti in base a quello che "io" ritengo possa essere interessante o meno. Pertanto dettagli chimici e quant'altro potrà trattarli su di un bel blog suo, con le persone che troveranno interessante parlare di ciò con lei.

    Nondimeno, cercherò di rispondere, ma per l'ultima volta, a tutte le sue obiezioni, in quanto alcune sono inventate, altre imprecise, altre deduzioni della sua mente dietro le quali non ho voglia ne tempo di andare.

    1) Non ho scritto che il sale rosa dell'Himalaya è puro cloruro di sodio. Mi scusi, ma proprio non riesco a trovare questo punto! Semmai ho scritto il contrario, che il sale rosa dell'HIMALAYA NON è puro cloruro di sodio. Come ribadito più volte nell'articolo, il sale rosa dell'Himalaya è il più PURO sale presente sulla terra perchè coniuga al CLORURO DI SODIO altri 84 microelementi ed è composto per il 97.5% circa da cloruro di sodio e per il restante 2.5% dal iodio, fluoro e talvolta altre sostanze (es. carbonato di calcio, carbonato di magnesio o idrossido di alluminio).

    Per quanto riguarda le imprecisioni che ritiene di aver trovato nell'articolo, le rispondo una ad una:


    3) Infatti è completamente assimilabile dall’intestino, che non deve impegnarsi per scinderlo in parti più piccole, ma riesce quindi a digerirlo subito;
    Se ho studiato bene chimica, un sale disciolto in acqua è scisso in ioni (praticamente mezze molecole). Non vedo cos'altro debba fare l'intestino per assimilarlo (e non digerirlo, il sale non viene digerito, viene assimilato).

    Non essendo un sale lavorato è particolarmente digeribile ed assimilabile dal nostro corpo e NON PRODUCE RITENZIONE IDRICA alcuna, al contrario del sale iodato marino ed assume un sapore decisamente più rotondo.



    9) Per l'alta presenza di calcio [...] riduce anche il rischio di [...] reumatismi e artrite;

    Non mi risulta che reumatismi e artrite abbiano qualcosa che vedere con il calcio, ma non sono un esperto di questo tipo di problemi, e ammetto che potrei sbagliarmi.

    L'artrosi è una degenerazione cronica delle cartilagini articolari, con interessamento secondario di osso, sinovia, capsula. Colpisce soprattutto i soggetti anziani e prevalentemente quelli di sesso femminile.
    I sintomi sono essenzialmente locali, compaiono tardivamente rispetto all'inizio della malattia. I più caratteristici sono la limitazione funzionale e il dolore locale, con il tipico andamento oscillante nel corso della giornata. Fino a qualche anno fa si tendeva a fare una distinzione netta tra artrosi e artrite, ma oggi si tende a parlare di osteoartrite : l'artrosi in pratica viene considerata una forma di artrite cronica.
    La reumatoide e l’osteoartrite sono quelle più conosciute ma se ne riscontrano di tipologie differenti e di diversi aspetti.

    RispondiElimina

  3. In generale si possono definire "disturbi reumatici" tutti i dolori che derivano da un coinvolgimento delle ossa, delle articolazioni e dei muscoli a esse vicini.
    All'interno dei reumatismi intesi in senso largo e non specifico, vi sono numerose forme patologiche particolari, riconducibili però poi al sintomo specifico del dolore in determinati momenti o posizioni.

    Nel caso di forme reumatiche infiammatorie, cioè nel caso di artrite, artrosi e comunque di dolori artro-reumatici e muscolari, la componente infiammatoria è sempre molto intensa, e recenti studi hanno confermato l'assoluta importanza di studiare l'eventuale presenza di ipersensibilità o intolleranza alimentari. Le diete di rotazione che ne derivano possono spesso essere risolutive sul dolore e sull'evoluzione della malattia stessa.

    La riduzione dell'infiammazione da cibo è senza dubbio uno degli approccio migliori ai problemi articolari e spesso permette di ridurre la frequenza e il dosaggio dei farmaci antinfiammatori. In questi casi si consiglia un'ALIMENTAZIONE RICCA DI CALCIO (latte, yogurt, formaggio, pesce, semi di sedano, tuorlo d'uovo, per ritrovare il Calcio e la vitamina D necessari, ampliando poi con verdure a foglia larga e verdi in particolare, lievito di birra, cereali integrali, carne, noci per recuperare le altre sostanze).

    8) Rallenta il processo di invecchiamento;
    Esatto, perchè è ricco di antiossidanti, che riducono l'invecchiamento cellulare.


    13) Contribuisce ad avere dei capelli più sani e lucenti;
    Usato come trattamento di bellezza (e non come cibo), grazie alla sua azione detossinante, no acqua e rimineralizzante il sale rosa dell'Himalaya rende i capelli più sani e lucenti. basta fare un giro per il web per vedere tutti i prodotti di bellezza che vendono con questo sale.


    15) E' prezioso per ripristinare il nostro equilibrio e rimuovere le scorie che accumuliamo;
    Credo che il termine tecnico sia chelazione. Ci sono studi a riguardo? Se sì, quali sono le controindicazioni (in altre parole, l'effetto chelante è solo relativo a metalli tossici come mercurio, piombo e alluminio o c'è il rischio di avere deficienze di ferro, zinco e magnesio)?
    Esatto, è un minerale "chelante" e assorbe le radiazioni e ne accelera l'eliminazione ed è considerato anche un rimedio naturale alla radioattività. Può leggerne approfondimenti in questo articolo: http://www.viviconsapevole.it/articoli/rimedi-naturali-alla-radioattivita.php


    19) Previene malattie come raffreddore ed influenza;
    Visto che facilita l'assimilazione del calcio e previene malattie da raffreddamento, devo arrendermi all'evidenza e concludere che è un integratore di vitamina D3.
    Esistono documenti che provano l'utilizzo delle grotte di sale himalayane per uso terapeutico già 6000 anni fa. Nella grotta si crea un microclima dove le particelle di sale, grazie alle correnti interne umide, sono presenti nell'aria e vengono così inalate. Il sale arrivato nelle vie respiratorie fluidifica il muco favorendone l'espettorazione, i muscoli delle pareti respiratorie si distendono e i canali si allargano favorendo la respirazione e curando diverse patologie tra le quali asma, bronchiti croniche e disordini respiratori vari. Oggi non c'è bisogno di andare fino in Pakistan, esistono grotte artificiali o stanze di sale dove le correnti naturali vengono sostituite dagli ionizzatori, in questi resort è possibile guardare la tv, mangiare e dormire in ambienti di sale. In alcuni paesi nordici come Polonia, Germania, Finlandia, Svezia, Scandinavia, Austria la Haloterapia è riconosciuta come terapia medica e sostenuta dallo Stato.

    RispondiElimina
  4. perché in Italia non é riconosciuta dallo stato? Grazie

    RispondiElimina
  5. Buonasera
    Io lo uso da anni e vorrei farlo provare a mio padre che ha problemi cardiocircolatori (la dottoressa gli ha tolto completamente il sale)
    Me lo consiglia?

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento. La risponderemo quanto prima