Inserisci Menù

mercoledì 27 marzo 2013

Come rendere dietetico il pranzo di Pasqua


La Pasqua si avvicina e con essa aumentano le occasioni per festeggiare con grandi pranzi e cene insieme ad amici e parenti e mandare in fumo tutti i bei risultati raggiunti con la dieta.
Ma come fare per rimanere in forma e festeggiare felicemente "onorando" la tavola?




Sicuramente a Pasqua, rispetto al Natale, è più facile mantenersi in linea perché ci sono meno giorni, anche se i cibi della tradizione pasquale, che si è soliti consumare, sono più grassi e calorici di quelli natalizi, pastiere, casatielli, pizze piene e uova di cioccolato....
Quindi, vediamo insieme come limitare i danni e rendere più dietetici il pranzo di Pasqua e Pasquetta, mantenendo il gusto e il piacere della buona cucina.

-->
Ok all'impepata di cozze della tradizione del giovedì santo, purché non si esageri con l' olio (che tra l'altro in eccesso può mascherare il sapore fresco di questo frutto di mare).


No al digiuno completo del venerdì santo. Consiglio di mangiare comunque qualcosa, pur rispettando la cultura religiosa ed evitando la carne, per non andare in riserva di energie e rallentare il metabolismo. Un suggerimento potrebbe essere preparare il seitan, di cui vi pubblicherò una simpatica ricetta venerdi.
Il casatiello potrebbe sostituire la cena del sabato sera poiché per i grassi e le calorie in esso contenute rappresenta una cena completa ed è una più che valida alternativa alla solita pizza. Assolutamente da evitare di mangiarlo come sostituto del pane durante il pranzo di Pasqua, a meno che non si voglia ingrassare di "almeno 3 kg". Va sempre accompagnato da un'abbondante insalata, o comunque da verdure non fritte.


I dolci è bene spostarli lontano dai pasti, per colazione o come spuntino, in una porzione moderata come una fettina di pastiera o torta all'uvetta, un pezzetto di cioccolata di una trentina di grammi. In questo modo, teniamo il metabolismo attivo e una parte di queste calorie verrà utilizzata dall'organismo.


Durante il pranzo Pasquale teniamo presente che i vari affettati e prodotti caseari sono un secondo piatto, se li usiamo invece come antipasto, la loro porzione deve essere leggera. 


Possiamo inoltre sostituire il capretto, più grasso, con il pollo, più magro e dietetico. Accompagniamo questo secondo a verdure, anzichè legumi e patate, che equivalgono ad un primo piatto.  


Si può sostituire la lasagna con un piatto di pasta al sugo, che oltre ad essere salutare e genuino, ha anche proprietà antitumorali grazie alla presenza del licopene che, come scoperto dal prof. David Heber dell'Università della California, con la cottura aumenta fino a 5 volte di più, proteggendo l'intero organismo dai rischi di tumore. Eventualmente la lasagna risulterà gradevole anche se ci mettiamo solo un filo d'olio, un macinato di bovino adulto magro di qualità ed una ricotta magra o fior di latte in quantità moderata.  


Accompagnare il tutto con molta verdura per limitare l'assimilazione di tutte le calorie del pasto e per favorire la sazietà se ce ne fosse bisogno. Tipici di questo periodo i carciofi, ricchi di fibre.
Evitiamo porzioni abbondanti, sono quelle che ci danneggiano veramente, consumiamo il pasto lentamente, serenamente. Attenzione a non abusare di alcolici e bevande zuccherate, va bene un brindisi o un calice di vino, come bevande gassate invece, meglio se a zero calorie. 
Seguire gli stessi consigli anche per il lunedi di pasquetta. Una soluzione ottimale sarebbe anche quella di dividere i diversi piatti tradizionali nei tre giorni, con una sola portata principale a pranzo ed una sola a cena. In questo caso ad esempio andrebbe bene anche accompagnare il pollo con piselli e patate, o una porzione più consistente di lasagna.


Se avete in programma una grigliata con amici, limitatevi ad una sola porzione di carne, se ci sono più tipi che volete assaggiare, fate in modo che tutte insieme ad occhio riempiano un solo piatto ed abbinatela sempre a molte verdure...e da martedì di nuovo tutti a dieta!


Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alla nostra pagina facebook “Dieta e Nutrizione Dr. Bianchini” ed al nostro profilo "DrBianchiniD" su Twitter.
Segui anche il nostro blog http://dietabianchini.blogspot.it tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Se vuoi ricevere una consulenza nutrizionale personalizzata contattaci su studiodavidebianchini@gmail.com  o al 3496188000.

Dott. Davide Bianchini

1 commento:

  1. Io lo voglio dietetico, ma comunque abbondante! XD

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento. La risponderemo quanto prima