Inserisci Menù

lunedì 11 febbraio 2013

Meno chili più carriera


Per diventare un manager di successo non bastano motivazione, costanza, capacità decisionale e problem solving, ma è molto importante anche avere un fisico asciutto.
E' quanto emerge da un recente studio pubblicato sul Wall Street Journal e condotto dal Center for creative leadership, organizzazione no profit che supporta aziende che vogliano coltivare una leadership creativa.



Secondo lo studio, meno chili si hanno, più aumentano le possibilità di avanzare nella carriera! 
Da cui ne emerge che essere magri, svolgere un’adeguata attività fisica ed adottare una corretta alimentazione non sono solo le chiavi per una vita sana, ma anche il segreto per il successo lavorativo.
L'indagine ha preso in esame 757 manager esecutivi, concludendo che un indice di massa corporea oltre i 25, ossia dal sovrappeso in su, mina le “capacità di leadership” e “l’energia al comando”, elementi essenziali per chi vuole fare carriera
 
-->  
Non basta quindi stare attenti all’andamento del proprio business, ma bisogna tenere sotto controllo anche il proprio indice di massa corporea Bmi, che deve essere equilibrato o tendenzialmente basso, perché, come spiega Sharon Mc-Dowell Russel, responsabile del programma di fitness del Center for Creative Leadership, "essere al vertice comporta fatica e la resistenza fisica viene valutata alla pari di altri fattori nella scelta di un Ceo".
Del resto, una persona che non riesce a gestire il proprio corpo, come può riuscire a gestire una schiera di subordinati?
 

A dare supporto a questa tesi vi è anche la riflessione di Barry Posner, professore alla Business School dell'Università di Santa Clara (California) il quale dichiara che nella classifica delle prime 500 aziende al mondo stilata da Forbes non vi sono Ceo obesi, ma anzi ci sono manager dediti alla palestra ed alla sana e corretta alimentazione.
"Quella di dedicarsi al fitness per i manager è una cosa relativamente nuova – conclude Ana Dutra, amministratore delegato di Korn/Ferry Leadership and Talent Consulting – una volta il capo era quello che trascorreva ogni minuto al lavoro, rinunciando alle vacanze e i dipendenti avevano questo suo comportamento come modello. Ora invece è normale che si prenda del tempo per se stesso, per rigenerarsi".

In aggiunta a ciò, secondo un altro studio condotto dell'Università della Florida, pubblicato sul Journal of Applied Psychology, le donne guadagnano molto di più durante la loro carriera se riescono a rimanere magre.
Analizzando il trend per quanto riguarda promozioni, guadagni e peso di migliaia di lavoratori americani e tedeschi, si è così visto che una donna che inizia la carriera sfoggiando una taglia 42 e che rimane sempre magra nel tempo, guadagnerà 10mila sterline l'anno in più rispetto ad una collega che sia ingrassanta nel corso degli anni.
«Risultati che suggeriscono come la nostra società - dichiara il professor Timothy Judgetenda a ricompensare le donne conformi agli standard quasi sempre assurdamente magri che ci vengono suggeriti dai media».


Quindi, se volete fare carriera, fate attenzione alla vostra linea perchè meno chili = più carriera!

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alla nostra pagina facebook “Dieta e Nutrizione Dr. Bianchini” ed al nostro profilo "DrBianchiniD" su Twitter.
Segui anche il nostro blog http://dietabianchini.blogspot.it tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Se vuoi ricevere una consulenza nutrizionale personalizzata contattaci su studiodavidebianchini@gmail.com  o al 3496188000.
A.P.
  

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver lasciato un commento. La risponderemo quanto prima