Inserisci Menù

mercoledì 16 gennaio 2013

Faccio la dieta non faccio la fame!


Solitamente quando si è a dieta e si vuole dimagrire, il cibo inizia a diventare un chiodo fisso ed il pensiero corre sempre lì. Ma, se si vuole vincere la battaglia con la bilancia, il nemico numero uno da sconfiggere è proprio la fame!
In questi casi pranzare solo con uno yogurt non è d'aiuto! 
 Tenere a bada lo stimolo della fame è il vero segreto per riuscire a dimagrire, soprattutto quando la tentazione del cibo non arriva dalla pancia (cioè non è fisiologico), ma dalla testa o dal cuore (cioè da un desiderio di compensazione psicologica o emotiva).  

 
La fame è una sensazione fisiologica che l’organismo attiva quando ha necessità di cibo, quindi di energia e nutrienti. Se, al contrario, le necessità di cibo dell’organismo sono soddisfatte, si innesca il meccanismo della sazietà, che ci induce a smettere di alimentarci. 
I meccanismi che governano la sensazione fame/sazietà sono complessi e finemente regolati. 

Vera fame o semplicemente appetito?
L’appetito è diverso dalla fame: si tratta di una sensazione tipicamente umana, generalmente stimolata dall’esterno che crea un falso bisogno nutrizionale-energetico.  


Le ultime ricerche lo confermano: l’ipotalamo, cioè il centro regolatore dell’appetito, è influenzato da due tipi di segnali: quelli interni (chimico-metabolici), e quelli esterni, come la vista di un piatto appetitoso o la percezione di un profumo accattivante, generalmente stimolati dalla pubblicità o dalla consapevolezza di non poter mangiare un alimento che diventa quindi più desiderato. Si spiega così perché talvolta, nonostante si abbia già mangiato, non si resiste alla tentazione di farlo ancora.
È quindi fondamentale imparare a decifrare i segnali dell’organismo, evitando di alimentarsi in assenza di un bisogno reale.  


Come fare a riconoscere la vera fame?  
Provate a sentire cosa dice il vostro stomaco in quei momenti: borbottii, gorgoglii, crampi? La fame vera si fa sentire, se invece è solo mentale, già solo focalizzando l'attenzione sui segnali dello stomaco, il desiderio di mangiare si attenua o sparisce del tutto. In questi casi, per aiutarvi ancora di più, spostate la vostra attenzione su qualcos'altro di bello e piacevole che non sia il cibo.
 

Perché certe diete fanno avvertire la fame?
La maggior parte delle diete risultano eccessivamente restrittive: spesso forniscono un apporto energetico non sufficiente all’organismo, altre volte sono carenti di nutrienti essenziali:
azione tanto errata dal punto di vista nutrizionale, quanto praticamente ingestibile dal punto di vista “umano”.

Quando l’alimentazione che assumiamo è talmente scarsa da non riuscire a soddisfare le esigenze dell’organismo, il nostro corpo percepisce una scarsità di energia e nutrienti che tuttavia gli sono necessari, pertanto innesca la sensazione di fame per indurci a rifornirlo di cibo

Bisogna infatti ricordare che mangiare poco e male, il più delle volte non porta ad una perdita di peso poichè si diminuisce l’ apporto calorico in modo sbagliato!
Basterebbe, invece, modificare le proprie abitudini alimentari per ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo.


Dimagrire mangiando e senza avvertire fame è possibile!

La parola DIETA deriva dal greco DIAITA che significa STILE DI VITA. Non va quindi intesa nel senso restrittivo e negativo ormai troppo comunemente attribuitole, ma come un’abitudine che accompagna l’uomo per tutta la sua vita e che, se equilibrata e corretta, può essere fondamentale nel promuovere lo stato di buona salute.
 
Attraverso lo studio delle reali necessità e dei fabbisogni dell’organismo è possibile strutturare una dieta che (seppur ipocalorica e finalizzata alla perdita di peso) riesca comunque a fornire i giusti apporti nutrizionali per soddisfare le esigenze del nostro organismo. Ciò permette di arrivare più facilmente allo scopo (che sia quello di perdere peso o alimentarsi in modo corretto e salutare) senza far entrare l’organismo in sofferenza e senza avvertire fame.
Allo stesso modo è possibile gestire bene anche la sensazione di appetito: semplicemente non privando la nostra alimentazione di alcun cibo e “educando” il nostro organismo al consumo intelligente di ogni alimento.


Inoltre, non bisogna perdere di vista che i carboidrati, se assunti nelle giuste quantità, non fanno ingrassare, ma è il condimento quello che danneggia!
In aggiunta a ciò, bisogna osservare le proporzioni: insalata, carote, zucchine e verdure varie devono occupare nel piatto il doppio dello spazio rispetto ai carboidrati e non viceversa!

Vivere di sola verdura non si può, e se poi la condiamo anche in modo eccessivo, diventa anche inutile! Se vogliamo dimagrire per rientrare nei nostri abiti preferiti, dobbiamo usare non più di un cucchiaio di olio a pasto.
Per un puro effetto psicologico, se mettiamo i nostri cibi in un piatto piccolo e poco profondo, le quantità ridotte sembreranno molto più abbondanti.


Una strategia per evitare la percezione di vuoto gastrico, sta nella quotidiana assunzione di frutta fresca (300 gr. al giorno) e verdure di stagione (anche un chilo al giorno).
Frutta e verdura, oltre a garantire sazietà con poche calorie (mediamente 20 kcal per etto la verdura; 40-50 kcal per 100 gr. la frut­ta) abbassano l’indice glicemico dei carboidrati del pasto grazie all'alto contenuto di fibre e favoriscono la depu­razione dell'organismo, grazie all'apporto di antiossidanti, acqua, fibra e po­tassio.


Se prendiamo in considerazione un menù giornaliero tipo da circa 1500 calorie che non escluda i primi piatti e proprio per questo non faccia avvertire la percezione di essere a dieta, si possono perdere anche 500 gr. la settimana, che possono diventare 700-800 gr. rinunciando all’ascensore, alle scale mobili ed aggiungendo qualche passeggiata da 20-30 minuti al giorno a passo spedito.   Quindi ricordate: fare la dieta non vuol dire fare la fame!

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alla nostra pagina facebook “Dieta e Nutrizione Dr. Bianchini” ed al nostro profilo "DrBianchiniD" su Twitter.
Segui anche il nostro blog http://dietabianchini.blogspot.it tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Se vuoi ricevere una consulenza nutrizionale personalizzata contattaci su studiodavidebianchini@gmail.com  o al 3496188000.

Dott. Davide Bianchini

1 commento:

  1. bello e interessante e condivido l'articolo, grazie per le informazioni !

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento. La risponderemo quanto prima