Inserisci Menù

venerdì 14 dicembre 2012

Mangiare lentamente aiuta a dimagrire


Sapete che mangiare lentamente aiuta a dimagrire? Eh già, i nostri nonni che ci dicevano continuamente di masticare almeno 10 volte prima di ingoiare, avevano proprio ragione!

Oggi analizziamo un recente studio pubblicato sulla rivista Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Disease, che dimostra come mai è così importante consumare un pasto lentamente e dedicare qualche minuto in più nel masticare gli alimenti che ingeriamo





Spesso la fretta ci fa mangiare velocemente e non ci permette neanche di gustare i pasti, perchè dobbiamo scappare a lavoro o per altri impegni personali.  
Invece, è consigliabile mangiare in almeno 20 minuti per favorire la perdita di peso ed il benessere dell’organismo.


Lo studio è stato effettuato in Corea, su circa 8 mila uomini. Si è dimostrato che chi mangia più in fretta, ha un rischio maggiore di presentare bassi livelli di HDL (definito colesterolo buono) nel sangue, ed alte concentrazioni di glucosio.
Entrambi questi fattori, sono associati ad un maggiore rischio cardio-metabolico. Rischio che si è mostrato più rilevante per chi mangia velocemente rispetto ai mangiatori lenti, indipendentemente dall’indice di massa corporea.

Dunque, per la prima volta, il mangiare velocemente è stato messo in relazione con un indicatore dello stato infiammatorio dell’organismo, che è strettamente correlato all’obesità e alle sue principali complicanze: il diabete e le malattie cardiovascolari.
Il tempo necessario per far arrivare al cervello il segnale di sazietà è di 20 minuti, da quando si inizia a mangiare. Ecco perché, chi consuma un pasto più in fretta introduce più calorie del necessario. Inoltre, chi mangia rapidamente digerisce con più difficoltà.


E’ consigliabile mangiare sempre seduti evitando di fare altre cose nel frattempo (come ad esempio guardare la TV o navigare su internet), fare bocconi piccoli masticando molto bene, appoggiare le posate dopo ogni boccone, intervallare il cibo con piccoli sorsi d’acqua
E, prima ancora, frazionare opportunamente le calorie nella giornata, suddividendole in 5 pasti giornalieri, per non arrivare mai troppo affamati ai pasti.


Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alla nostra pagina facebook “Dieta e Nutrizione Dr. Bianchini” ed al nostro profilo "DrBianchiniD" su Twitter.


Se vuoi ricevere una consulenza nutrizionale personalizzata contattaci su studiodavidebianchini@gmail.com  o al 3496188000.

Dr. Bianchini


1 commento:

  1. Si si , masticare lentamente e a lungo, concentrarsi sul cibo, sul suo sapore. Ho iniziato a farlo anch'io e devo dire che trovo soddisfazione anche quando cucino una bistecca ai ferri o mangio una barretta sostitutiva perché sono a dieta con herbalife. Ma il gusto è buono uguale, anzi quella al cacao mi toglie davvero la voglia di dolce.

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento. La risponderemo quanto prima