Inserisci Menù

martedì 26 giugno 2012

Respirare meglio e muoversi meglio attraverso i trattamenti termali


Come vi avevo accennato la settimana scorsa, oggi vorrei approfondire il discorso degli effetti benefici delle cure termale, affrontato durante il Sanit 2012 e già anticipato nel mio precedente post.

Molti mi chiedono quali sono gli effetti sul dimagrimento di tutti questi trattamenti, ho potuto valutare nel corso degli anni che sono molto buoni quelli indiretti.

Migliorare lo stato di salute generale, eliminare le tossine, recuperare energia e vitalità porta a riequilibrare il patrimonio muscolare e cellulare, permettendo al nostro metabolismo di funzionare al meglio.
In molti casi, in quelle aree corporee colpite da deficit circolatorio, ripristinare un corretto funzionamento è utilissimo per far si che si riducano i grassi localizzati così difficili da attaccare.
Infine un riequilibrio idrico, con riduzione dell’ acqua extracellulare (ritenzione), consente di sentirsi meglio, non gonfi, eliminare il senso di pesantezza alle gambe, ma anche e soprattutto vedersi più magri e tonici.
Ecco allora un escursus su tutto quanto si puo’ fare, potrete così valutare cosa possa per voi essere più efficace.




--> Anticamente le terme erano un luogo di socialità, di sviluppo di attività sportive per uomini e donne che facevano il bagno completamente nudi. 
Lo sviluppo interno tipico era quello di una successione di stanze, con all'interno una vasca di acqua fredda (il frigidarium), tiepida (tepidarium) e calda (calidarium). Attorno a questi spazi principali, si sviluppavano gli spazi accessori: l'apoditerio (spogliatoio), il sudatorio e il laconico (simili ad una sauna), il destrictorio (sala di pulizia), il ginnasio (una sorta di palestra) affinchè potesse esserci un rilassamento integrato  di mente  e corpo.

Ancora oggi il ciclo di cure termali è un valido supporto per integrare e completare la terapia medica e chirurgica. Elemento fondamentale della terapia termale, oltre alla mancanza di effetti collaterali, è lo scopo sia curativo che preventivo.



Solitamente le  terme si trovano in corrispondenza di sorgenti termali e necessariamente dotate di impianti per la somministrazione di terapie mediche sia accademiche che alternative, centri estetici e centri benessere. Le terme attuali si suddividono in terme calde e terme fredde con o senza acqua solfurea. 

In molti casi i trattamenti termali richiedono una prescrizione da parte del medico di base anche se molte terme in Italia dispongono di una sala medica interna. 

Il bagno, per la pressione e temperatura dell’acqua termale, é il metodo naturale più antico, più efficace e sicuramente più piacevole per rilassare i muscoli, diminuire i dolori e prevenire le malattie della pelle. Indicata per le patologie artroreumatiche e dermatologiche.




Balneoterapia
La balneoterapia si pratica con l’immersione totale del corpo in vasche individuali, in completa privacy.
Il bagno termale dura circa 15 minuti. Il ciclo di cure é di 12-15 bagni quasi sempre integrati da programmi di Massoterapia, soprattutto in caso di affezioni reumatiche. La balneoterapia è particolarmente efficace anche per il trattamento degli esiti da ustioni.

Fangoterapia
Il fango termale è una miscela di argilla, acqua termale solfuro-bicarbonato-calcica e microrganismi. L’applicazione del fango termale maturo è un metodo di trattamento delle malattie reumatiche in fase non acuta, molto diffuso e riconosciuto per la sua efficacia nella risoluzione della sintomatologia dolorosa e per il contenimento della reazione infiammatoria che accompagna il processo di deterioramento della cartilagine. È un trattamento naturale che aiuta anche le persone che soffrono di malattie delle articolazioni quali l’artrosi e l’osteoporosi e di malattie dermatologiche quali psoriasi, eczema, dermatite atopica o seborroica e acne. Il paziente viene cosparso totalmente o parzialmente di fango termale adeguatamente maturato, viene fatto distendere su un lettino per la messa in posa e la reazione, segue una doccia per eliminare il fango e successivamente l’immersione in acqua termale.
Il ciclo di cure è di 12-15 fanghi quasi sempre integrati da programmi di Massoterapia, soprattutto in caso di affezioni reumatiche.




Per stimolare la microcircolazione sanguigna, favorire l’effetto drenante e attenuare e disfunzioni della circolazione venosa vengono poi applicate altre terapie.

Idromassaggio con Ozono
Questo trattamento si pratica con l’immersione totale del corpo in vasche individuali, in completa privacy, a temperatura calda controllata.
In questo caso il corpo é massaggiato da getti di acqua termale diretti verso le parti da trattare. L’idromassaggio é indicato come integrazione di altri trattamenti termali e come prevenzione di tutte le patologie che implicano un’insufficienza venosa e problemi legati alla micro-circolazione sanguigna.
L’idromassaggio può essere effettuato a tutte le età - previo controllo preventivo dei medici Termali - ed é un efficace mezzo di cura per gli stati di stress e per prevenire tutte le sintomatologie causate dalla vita sedentaria.
Ottimi risultati si ottengono se all’idromassaggio viene abbinato un ciclo di linfodrenaggi manuali effettuati da massofisioterapisti e da sedute di pressoterapia.


Massoterapia
La Massoterapia integra e incrementa gli effetti dei bagni termali solfurei.
Il massaggio manuale rappresenta da secoli una delle migliori terapie per i problemi osteo-articolari, per quelli vascolari fino a giungere al mantenimento di un’ottima forma.
Dalle tecniche curative a quelle di mantenimento e prevenzione, la Massoterapia prevede programmi personalizzati effettuati da specialisti altamente qualificati.



Patologie muscolari, vascolari e articolari.
L’utilizzo dell’acqua a scopo terapeutico permette al paziente di anticipare l’inizio della riabilitazione, permettendogli di raggiungere in tempi più brevi una certa autonomia e trovare, di conseguenza forti motivazioni per proseguire con maggiore autostima la rieducazione.

Sono indicate per cure riabilitative da eventi traumatici, interventi di ricostruzione tendino-muscolare, contusioni, contratture, fratture, lussazioni, ematomi, torcicollo, lombalgie, distorsioni, cervicalgie in fase acuta, tendiniti, condriti, artriti, artrosi, reumatismi, artrite reumatica, osteoporosi, morbo di Paget, periartriti, neuriti, morbo di Depuytren, tunnel carpale, infiammazioni scapolo-omerali, patologie vascolari linfatiche ed edematose.

I cicli di cura hanno l’obiettivo di far diminuire l’infiammazione e il dolore e ripristinare la giusta mobilità e sono generalmente di 10 sedute, integrati da una scheda di allenamento finalizzata alla rieducazione muscolare generale, dall’effettuazione del Percorso Kneipp e dell’Idromassaggio termale.




Idrokinesi
Nell’ottica riabilitativa è un elemento determinante per ottenere prestazioni o comportamenti non altrimenti perseguibili in un ambiente condizionato dalle leggi della forza di gravità.
Inoltre infiammazioni versamenti articolari microtraumi e dolore possono essere causa di interruzione della terapia a terra; ciò non avviene in acqua, dove il paziente può evitare questi inconvenienti e quindi non rischiare di interrompere la terapia.

Elettrostimolazioni
Si effettuano con macchinari specifici ed hanno come obiettivo il potenziamento muscolare. L’assorbimento delle onde elettromagnetiche dà origine alla produzione di calore nei tessuti e la vasodilatazione produce un aumento di flusso sanguigno con un maggior apporto di ossigeno e nutrimenti e una diminuzione del dolore e degli spasmi muscolari.

Elettroterapia Antalgica ed Elettroterapia Tens
Si effettua con macchinari specifici ed ha come obiettivo il ripristino della giusta mobilità. Il termine “elettroterapia” indica l’utilizzo, a scopo terapeutico, dell’energia elettrica in tutte le sue forme, dalla corrente continua alle correnti alternate, garantendo una diminuzione del dolore e degli spasmi muscolari.

Ionoforesiterapi
La ionoforesi è un tipo di “elettroterapia” antalgica che usa la corrente continua unidirezionale al fine di trasportare medicamenti (es. farmaci antinfiammatori) allo stato ionico, evitando così di iniettare i medicinali attraverso aghi.

Magnetoterapia
Utilizza impulsi elettromagnetici a bassa frequenza al fine di dare un notevole aiuto nella cura di diverse sintomatologie legate a stati infiammatori o a patologie ossee. Gli impulsi elettromagnetici eccitando le cellule aiutano la rigenerazione dei tessuti ossei e cutanei, migliorano la circolazione sanguigna e riducono il dolore.



Pressoterapia o pressoterapia intermittente
Uno speciale macchinario (Pressotech), attraverso pressioni dosate ai tessuti, facilita il drenaggio e attiva la circolazione venosa. La pressione non viene esercitata contemporaneamente su tutta la superficie ma secondo una sequenza centripeta che è quella seguita dal sangue e dalla linfa.

Ultrasuonoterapia
Terapia che sfrutta gli effetti provocati nell’organismo da un’emissione di onde sonore superiori alla soglia uditiva. La profonda penetrazione nei tessuti delle onde ultrasonore esplica un’azione di tipo termico derivato dalla trasformazione in calore dell’energia vibrante.

Respirare meglio. La cura delle vie respiratorie

Le Cure Inalatorie solfuree sono indicate nelle patologie ipersecretive croniche delle alte e basse vie respiratorie.
L’azione mucolitica, immunostimolante ed eutrofica delle acque sulle mucose, rende la terapia inalatoria ottimale per la cura e la prevenzione delle patologie respiratorie derivate da agenti irritanti. L’azione battericida e decongestionante delle acque termali aiuta non solo a ripristinare le funzioni compromesse, ma è anche efficace quale terapia preventiva e di mantenimento di uno stato fisico ottimale.
Le cure inalatorie, suggerite sempre da una prescrizione medica, possono essere eseguite con diverse modalità.



Inalazione
L’acqua minerale è suddivisa in particelle di grandi dimensioni (circa 10-15 micron di diametro). Il paziente, posto di fronte all’apposito apparecchio ad una distanza di circa di 30 cm, inala questa nebbia sulfurea che si distribuisce nelle vie aree superiori e medie ad una temperatura di 38° C. circa. Si pratica un’applicazione al giorno per un minimo di 12 giorni.
Il trattamento inalatorio è particolarmente indicato nelle patologie delle prime vie aeree: naso, faringe, laringe, trachea e prime diramazioni bronchiali.

Aerosol
--> L’acqua minerale è suddivisa in particelle omogenee di piccole dimensioni con diametro da 1 a 8 micron in modo da poter raggiungere anche le ultime diramazioni dell’albero bronchiale. Le particelle d’acqua si introducono per via nasale o orale attraverso la forcella nasale o la mascherina. Al pari dell’inalazione si pratica un’applicazione al giorno per un minimo di 12 giorni.
Il trattamento di aerosol è indicato nelle patologie delle vie aeree superiori ed inferiori: naso, faringe, laringe, trachea e prime diramazioni bronchiali.


Aerosol sonico
Si distingue dall’aerosol tradizionale perché è associato alla minuscola ed omogenea frantumazione dell’acqua, un flusso di onde sonore ad intervalli regolari.
Le particelle di acqua termale attraverso vibrazioni sonore raggiungono agevolmente le cavità nasali, i seni paranasali e l’orecchio medio. Viene eseguita con apposita mascherina occludente le narici.
È particolarmente indicato nelle rinosinusopatie croniche e coadiuvanti e nel trattamento delle otiti medie catarrali croniche e nelle tubariti catarrali.

Nebulizzazione
L’acqua minerale, trasformata in una nebbia più o meno densa, è somministrata al paziente in un apposito ambiente saturo di particelle acquose che penetrano in profondità nell’apparato respiratorio. È un trattamento collettivo particolarmente indicato per i bambini e le persone anziane.

Doccia Nasale Micronizzata
L’acqua termale viene frazionata in particelle di dimensione elevate, che sotto pressione vengono convogliate direttamente nelle fosse nasali.
Questo abbondante flusso di particelle termali provoca un’immediata fluidificazione delle secrezioni presenti nelle fosse nasali e nel distretto rinofaringeo e faringeo, consentendo anche la detersione delle secrezioni  dei seni paranasali e del distretto dell’orecchio medio.
È la migliore terapia per integrare e arricchire gli effetti terapeutici delle cure inalatorie, rendendoli più efficaci e duraturi nel tempo.
E’ un trattamento in genere tollerato molto bene dai bambini e molto utile nelle patologie rinofaringee in età pediatrica.
È indicata in tutte le patologie catarrali croniche del naso e delle strutture annesse: riniti, rinosinusiti, rinofaringiti, nelle otiti medie secretive del bambino nelle otosalpingiti croniche dell’adulto e nelle sindromi rinosinuso-bronchiali.
Per effettuare correttamente la doccia nasale occorre piegare in avanti e lateralmente la testa, posizionando l'ampolla alternativamente nella narice destra e sinistra per 30 secondi nell'adulto e 10 secondi nel bambino.

Irrigazione nasale
L’acqua termale viene immessa, tramite una piccola sonda (oliva nasale),  nelle fosse nasali alternativamente, in modo da penetrare da una narice e fuoriuscirne dall’altra, detergendo e stimolando le mucose nasali. Questo lavaggio consente la detersione della mucosa dalle croste e l’eliminazione delle secrezioni ristagnanti.
È particolarmente indicata nelle rinopatie crostose e nelle patologie ipersecretive delle alte vie aeree.




Ventilazione Polmonare
Integra e completa i cicli di altri trattamenti. È raccomandata nelle patologie ipersecretive delle basse vie respiratorie, nelle ostruzioni bronchiali dovute a spasmo della muscolatura, ad infiammazione bronchiale o ad una ipersecrezione catarrale. (Bronchiti croniche semplici o ostruttive, bronchiectasie ed asma bronchiale).

Sentirci meglio e “sentirsi meglio”. Cure Otorinolaringoiatriche

Le varie tecniche inalatorie servono a immettere nel sistema orecchio-naso-gola l’acqua minerale opportunamente trattata o i gas di questa.

Le terapie riabilitative
È opportuno che ogni cura riguardante le vie respiratorie, orecchio, naso e gola, venga completata dalle Terapie di Riabilitazione che potenziano gli effetti terapeutici dell’acqua termale.

Ginnastica respiratoria
Per il recupero funzionale dei soggetti affetti da affezioni bronchiali croniche, integra le cure pneumologiche, migliora la capacità ventilatoria residua del paziente broncopneumopatico cronico e facilita l’eliminazione del muco bronchiale attraverso il drenaggio “autogeno”.


Rieducazione tubarica

Cura le patologie da disfunzione tubarica (otiti catarrali, tubariti) particolarmente quelle dell’età infantile.
Si tratta di esercizi effettuati in successione, sotto la guida di personale specializzato, svolti a stimolare e riattivare la muscolatura peritubarica.

Rieducazione foniatrica
È utile per le disfonie professionali e/o da malmenage vocale tipiche di persone la cui voce è sottoposta continuamente a forte sollecitazioni e quindi fortemente impegnata e stressata (manager, attori, insegnanti, cantanti, ecc.). La rieducazione foniatrica si basa su una serie di esercizi attivi e di tecniche di rilassamento eseguite sotto la guida di specialisti.



Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alla nostra pagina facebook “Dieta e Nutrizione Dr. Bianchini” ed al nostro profilo "DrBianchiniD" su Twitter.

Se vuoi ricevere una consulenza nutrizionale personalizzata contattaci su studiodavidebianchini@gmail.com  o al 3496188000.

Fonte: Ufficio stampa Sanit2012
Foto: Terme Pompeo

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver lasciato un commento. La risponderemo quanto prima